lunedì 17 aprile 2017

Il percorso della via Popilia

Prolungamento meridionale della Via Appia, la via Popilia fu costruita nel 132 a.C. dal console Publio Popilio Lenate. Da Capua arrivava a Reggio Calabria (Rhegium Julii), città dei Calcidesi. Passava per:
-       Nola (Nuvla), antica città degli Osci e degli Etruschi;
-       Nocera Superiore (Nuceria Alfaterna), città degli Osci;
-       Salerno (Salernum), città osco-etrusca e poi romana;
-       Eboli (Eburum), altra città osco-etrusca;
-       Atena Lucana (Atina),  città dei Lucani;
-       Teggiano (Tegianum), città dei Lucani;
-       Padula (Consilinum), città dei Lucani;  
-       Sanza (Sontia), città lucana;


-       Forum Popilii, insediamento romano nei pressi dell’attuale Polla;
-       Nerulum, altro insediamento romano non lontano dal comune di  Rotonda;
-       Morano Calabro (Muranum), di fondazione romana;
-       Interamnium, località romana non lontana da San Lorenzo del Vallo;
-       Caprasia, insediamento enotrio nei pressi di Castrovillari;
-       Cosenza (Consentia), città dei Bruzi;
-       Mamertum, insediamento di mercenari osci o lucani nei pressi dell’attuale Martirano o Oppido Mamertina;
-       Scilla (Scyllaeum), subcolonia di Reggio.    


Nessun commento:

Posta un commento